castello

Io fu' 'n su l'alto e 'n sul beato monte,
ch'i'adorai baciando il santo sasso,
e caddi 'n su quella pietra, di lasso,
ove l'onesta pose la sua fronte,

e ch'ella chiuse d'ogni vertù il fonte
quel giorno che di morte acerbo passo
fece la donna de lo mio cor, lasso,
già piena tutta di adornezze conte.

Quivi chiamai a questa guisa Amore:
- Dolce mio iddio, fa'che qui mi traggia
la morte a sé, ché qui giace 'l mio core -

Ma poi che non m'intese 'l mio signore
mi diparti', pur chiamando Selvaggia;
l'alpe passai con voce di dolore.

dal Canzoniere di Cino da Pistoia (1270 - 1336)
sonetto n. CXXIV

L'edizione critica del sonetto è a cura del
prof. Giancarlo Savino

 

 

 


Richiesta Residenza