Informazioni sul luogo di emigrazione (tutela di situazioni giuridiche)

Ultima modifica 8 luglio 2021
Oggetto della prestazione

Informazioni sui cittadini non più iscritti nel registro della popolazione residente, relative al comune di emigrazione.

Requisiti che devono essere posseduti dal richiedente

La certificazione di emigrazione viene rilasciata esclusivamente:

  1.       alle Pubbliche Amministrazioni e ai Gestori di Pubblici Servizi;
  2.       agli Studi Legali quando essi debbono notificare un atto processuale.

Non può essere rilasciata a soggetti privati quali banche, assicurazioni, agenzie investigative, società per il recupero crediti, ecc.

Modalità di richiesta

La richiesta si può fare in qualunque momento:

- gli Studi Legali dovranno presentare un'apposita istanza scritta contenente l'espressa indicazione che la notizia richiesta è finalizzata alla notificazione di un atto processuale (fac-simile di richiesta Doc - Pdf).
La richiesta potrà essere presentata con le seguenti modalità:

    * direttamente dall'avvocato;
    * tramite incaricato dell'avvocato, munito di apposita delega;
    * con il sistema postale;
    * tramite fax o posta elettronica; (in questo ultimo caso, la certificazione dovrà essere ritirata all'ufficio addetto al rilascio in quanto, dovranno essere corrisposti l'imposta di bollo e i relativi diritti di segreteria).

- le Pubbliche Amministrazione e ai Gestori di Pubblici Servizi potranno farne richiesta quando tale informazione risulti pertinente per un procedimento amministrativo in corso.
La richiesta potrà essere presentata con le seguenti modalità:

    * con il sistema postale;
    * tramite fax;
    * posta elettronica.

Modalità e tempi di erogazione del servizio

Rilascio immediato.

Contributi a carico dell'utente

€. 0,52 per diritti di segreteria e €. 14,62 per imposta di bollo, come già precisato nella risoluzione n. 450825 del 10.11.1990 del Ministero delle Finanze (in allegato) che impone l'assolvimento dell'imposta di bollo per i certificati anagrafici rilasciati agli studi legali per la notifica di atti giudiziari; detta imposta può essere assolta applicando apposita marca da acquistare dall'utente o versandola in modo virtuale direttamente presso l'U.R.P.
Nessuna contribuzione é prevista per le richieste fatte dalle Pubbliche Amministrazioni e/o dai Gestori di Pubblici Servizi in quanto, obbligati a richiedere informazioni nei procedimenti di loro competenza e a esercitare attività di controllo su dichiarazioni sostitutive di certificazioni anagrafiche e/o dichiarazioni sostitutive dell'atto di notorietà.

Eventuali note per l'utente

Validità
La validità è illimitata.

Reclami, ricorsi e opposizioni
Reclami possono essere presentati per scritto indirizzandoli al Sindaco e specificando in modo chiaro le ragioni che si intende far valere od i diritti che si ritengono violati.

Avverso il provvedimento conclusivo può essere proposto ricorso giurisdizionale innanzi al T.A.R. entro 60 giorni dal ricevimento della comunicazione del provvedimento stesso, oppure ricorso straordinario al Presidente della Repubblica, entro 120 giorni dalla comunicazione del provvedimento.

Aggiornata al 1 maggio 2015

Leggi e norme di riferimento

- Circolare Ministeriale n. 11/2003.
- Legge 24 dicembre 1954 n. 1228
- D.P.R. 30 maggio 1989 n. 223
- D.P.R. n. 445 del 28 dicembre 2000 - testo unico sulla documentazione amministrativa

Referenti Cecchini Franca- Bianchi Verusca
Responsabile del procedimento Sandra Bacchetti
Allegato Scarica il file allegato

fac-simile di richiesta contenente l'espressa indicazione che la notizia richiesta è finalizzata alla notificazione di un atto processuale (per gli studi legali).

Allegato Scarica il file allegato

fac-simile di richiesta contenente l'espressa indicazione che la notizia richiesta è finalizzata alla notificazione di un atto processuale (per gli studi legali).

Allegato Scarica il file allegato

risoluzione n. 450825 del 10.11.1990 del Ministero delle Finanze